domenica 6 giugno 2010

SEMIFREDDO ALLO YOGURT ALLE PESCHE CON CREMA ALLA FRAGOLA

Ebbene si, è arrivato definitivamente il caldo e, in questa prima domenica d'estate ero invitata a pranzo dai suoceri. Non era di certo il caso di accendere il forno... ma neache di fare una bavarese o un budino, dato che dovevo trasportare i ldolce in macchina all'ora di punta della giornata e per 20 km!!! Però qualche dolce dovevo pur farlo! L'indecisione era tra la torta di yogurt della mamma (o meglio della mitica Nonna Assuntina) e il semifreddo alla pesca che ho trovato su "Più Dolci" di Giugno, due dolci praticamente molto simili, entrambi semifreddi e da fare utilizzando il calssico stampo rettangolare, quello del plum cake, per intendersi... Insomma alla fine ho fatto un mix tra le due ricette: ho utilizzato la ricetta della mamma, sostituendo allo yogurt magro bianco, lo yogurt alla pesca e albicocca e ho ricoperto poi il semifreddo con la crema di fragole che era prevista nella ricetta del giornalino, decorando poi il tutto con le lingue di gatto ai bordi e frutta fresca sopra. Ovviamente la "base" l'ho preparata il giorno prima e, per paura che non rassodasse abbastanza l'ho messa a riposare nel freezer tutta la notte... ma adesso, con il senno di poi, posso tranquillamente dirvi  che non ce n'è bisogno perchè la quantità di gelatina è tale da far rassodare il semifreddo anche riponendolo semplicemente nel frigo. Oltretutto è stato un pò un problema sformarlo la mattina dopo, ma, probabilmente, se non l'avessi congelato non sarei riuscita a non far squagliare il dolce durante il viaggio! Ad ogni modo, il dolce ha avuto un successo incredibile, non vi dico quante feste mi hanno fatto, sia per l'estetica che per il sapore! Infatti ne è uscito fuori una torta molto fresca, quasi  un gelato, con un delizioso sapore di frutta molto dolce ma per niente stucchevole...un ottimo dessert da gustare in ogni momento, anche dopo una bella mangiata!!!

SEMIFREDDO ALLO YOUGURT ALLA PESCA CON CREMA ALLA FRAGOLA


Ingredienti (stampo rettangolare delle dimensioni di 25x11 cm):
750 gr di yougurt alla pesca (nel mio caso pesca e albicocca);
20 gr di gelatina
100 gr di zucchero;
250 gr di panna fresca da montare;
250 gr di pesche;
- crema alla fragola:
120 gr di fragole;
50 gr di zucchero;
8 gr maizena;
120 gr di panna;
- frutta fresca e lingue di gatto per decorare.

Procedimento:
Mescoliamo lo yogurt in un recipiente insieme allo zucchero, finchè quest'ultimo non è ben amalgamato. Montiamo la panna e aggiungiamola al composto mescolando lentamente per non farla smontare. Nel frattempo ammolliamo la colla di pesce in acqua fredda.  Sbucciamo e denoccioliamo le pesche e frulliamole con due cucchiai di zucchero, poi trasferiamole sul fuoco in una casseruola, aggiungiamo due cucchiai di acqua e portiamo ad ebollizione. Uniamo quindi la gelatina ben strizzata mescolando bene per farla sciogliere. Versiamo quindi il frullato di pesche nello yougurt. Rivestiamo lo stampo di pellicola trasparente e versiamovi  il composto. Riponiamo in frigo per circa 10 ore, meglio se tutta la notte.
Il giorno dopo, sformiamo il dolce su un piatto da portata e prepariamo la crema alla fragola: Laviamo e puliamo le fragole, frulliamole nel mixer insieme allo zucchero. Uniamo la maizena e mescoliamo bene finchè non è ben amalgamata. Uniamo infine la panna fredda mescolando fino ad ottenere un composto omogeneo. Trasferiamo il tutto in un tegamino e cuociamo per pochissimi minuti sempre mescolando, finchè non si è rassodata. Facciamola raffreddare e poi spalmiamola su tutta la superficie del dolce. Disponiamo ai lati le lingue di gatto e completiamo con della frutta fresca.


... E con questo dolce partecipo inoltre alla splendida raccolta di Morena del blog Menta e Cioccolato : Summer Cakes!

7 commenti:

nitte ha detto...

Un semifreddo davvero delizioso per l'estate,bravissima!!!!

paolo ha detto...

che colori...veramente invitante

Tania ha detto...

Ciao Mirtilla! Guarda, i complimenti per l'estetica te li meriti tutti perché il dolce è fatto davvero bene, per il sapore penso di poter dire lo stesso, yogurt, panna e frutta sono sinonimo di bontà per cui brava!

sara ha detto...

Cugina ma non me li fai mai assaggiare questi dolcetti????? aspetto quello di stasera!!!!

Onde99 ha detto...

Che bello: ha quei colori "acidi" che andavano molto negli anni '80, mi ricorda le magliette che portavo da ragazzina! Prendilo come un complimento: in una giornata così bigia ricordare l'adolescenza è un raggio di sole!

Morena ha detto...

Ma che bello Mirtilla e chissà che buono!!ti ringrazo di aver partecipato alla raccolta con questa splendida ricetta...sto aggiornando il post..ciao ciao

Lore ha detto...

Essendo l'assagiatore ufficiale della Mirtilla ,nonchè il suo ragazzo,posso dirvi che oltre ad avere colori invitanti,è veramente una delizia più unica che rara!

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts with Thumbnails